Le rivoluzioni viste con gli occhi di Amos Oz, Elizabeth Strout, Sergio Castellitto, Carmen Consoli, Paola Cortellesi, Anna Valle e Stefano Bollani. E poi ancora Fernando Savater, Catherine Dunne, Madeleine Thien, Rawi Hage, Jamileh Kadivar, Edgar Morin. Sono alcuni dei nomi di punta del programma di TaoBuk 2018, il festival letterario che quest’anno ha come tema le rivoluzioni. I dettagli dell’ottava edizione dell’evento, che si terrà a Taormina dal 23 al 27 giugno 2018, sono stati svelati dalla presidente e fondatrice di TaoBuk Antonella Ferrara oggi 26 maggio nel corso di una conferenza stampa.

🔴 Arrivano le #Rivoluzioni! Inizia la presentazione dell'edizione 2018 di TaoBuk. La presidente Antonella Ferrara svela il programma! Live!

Pubblicato da TAOBUK taormina book festival su sabato 26 maggio 2018

I premi TaoBuk 2018 a Oz e Strout

Antonella Ferrara
Antonella Ferrara

Il festival letterario sarà inaugurato il 23 giugno 2018 alle 21 al Teatro Antico di Taormina. La serata, condotta dal giornalista del Tg1-RAI Alessio Zucchini e da Antonella Ferrara, sarà impreziosita dall’orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania. La registrazione sarà trasmessa su Rai2 il 3 luglio 2018 alle 23.

Nel corso dell’evento verranno consegnati i Taobuk Awards for Literary Excellence. A riceverli saranno Amos Oz, scrittore e saggista israeliano già Premio Principe de Asturias de las Letras e Premio Carical Grinzane, ed Elizabeth Strout, Premio Pulitzer nel 2009. Il riconoscimento verrà dato loro “per il particolare filo con cui hanno saputo intrecciare, nella scrittura, vita personale e rivoluzioni, rivestendo vicende private di un valore assoluto e universale”.

Elizabeth Strout e Amos Oz
Elizabeth Strout e Amos Oz

Una serata tra cinema e musica

L’inaugurazione di TaoBuk 2018, come ogni anno, vedrà protagonisti grandi artisti del cinema e della musica. Sul palco si succederanno la cantantessa Carmen Consoli, che riceverà il premio Taobuk Award Una Vita per l’arte; gli attori Paola Cortellesi, Sergio Castellitto e Anna Valle assieme al regista Riccardo Milani, premiati con il Taobuk Award. La stilista Marella Ferrera sarà insignita del Taobuk Award Trame di Storia. La magia della voce del soprano Donata D’Annunzio Lombardi incanterà il Teatro Antico. Il pianista Stefano Bollani, al quale verrà consegnato il Taobuk Award, eseguirà con l’orchestra del Bellini in Rapsodia in blu di Gershwin e Concerto Azzurro di Bollani.

Quattro lectio magistralis – Che cos’è una rivoluzione

Fernando Savater
Fernando Savater

TaoBuk 2018 entrerà nel vivo da domenica 24 giugno 2018 con la lectio magistralis di Amos Oz. La sua riflessione partirà dal ruolo di un intellettuale che difende il libero pensiero. Lunedì 25 giugno sarà la volta di Elizabeth Strout e della sua rivoluzione personale dal titolo “Ho tradito mia madre“. Fernando Savater – filosofo e scrittore spagnolo – si occuperà delle rivoluzioni necessarie: dai movimenti dei corpi celesti ai destini di un Paese. La quarta lectio magistralis sarà affidata a Matteo Collura, martedì 26 giugno, che si concentrerà sull’essenza più profonda dei libri.

Le rivoluzioni nel mondo e in Italia

Rawi Hage
Rawi Hage

Gli stravolgimenti storico-politici saranno al centro di una serie di incontri con ospiti internazionali di rilievo. Jamileh Kadivar descriverà l’Iran contemporaneo assieme alla giornalista e docente di Relazioni Internazionali del Medio Oriente Farian Sabahi. Madeleine Thien (autrice nata in Canada da padre cino-malese e madre di Hong Kong) e lo scrittore e fotografo canadese d’origine libanese Rawi Hage racconteranno la Cina e il Libano in un’iniziativa in collaborazione con il Canadese International Festival of Authors – IFOA.

A TaoBuk 2018 non si parlerà solo di esteri, ci sarà modo di raccontare anche l’Italia di ieri e di oggi. Gli eventi che hanno portato all’Unità saranno evocati dal giornalista e scrittore Alfio Caruso. Lo sbarco dei Mille in Sicilia sarà raccontato dalla poetessa e scrittrice Maria Attanasio. Gherardo Colombo si occuperà di vizi e virtù della democrazia italiana. Infine si affronterà una delle rivoluzioni più controverse, quella del ’68, assieme a uno dei suoi protagonisti, Mario Capanna.

Le conseguenze delle rivoluzioni

I sette artisti italiani che segnarono la Belle Époque saranno al centro dell’incontro con la scrittrice Rachele Ferrario. Il filosofo Giulio Giorello affronterà il tema dell’intelligenza artificiale. Una rivoluzione fondamentale nella società italiana è stata l’introduzione della Legge Basaglia; ne parleranno lo psichiatra, scrittore e sociologo Paolo Crepet, Peppe Dell’Acqua (psichiatra, collaboratore di Franco Basaglia), lo storico del Diritto Ernesto De Cristofaro e Santina Bucolo, presidente dell’associazione Oltre l’Orizzonte.

L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici-IISF organizzerà una conversazione con Luciano Canfora e la teorica politica e giornalista Nadia Urbinati. L’argomento sarà l’essenza stessa della rivoluzione, elemento fondamentale nella storia dell’umanità che ne ha permesso il cambiamento nel tempo. IISF e Fondazione OELLE saranno promotori di un seminario dedicato agli studenti sulla rivoluzione del 1968.

Il potere rivoluzionario del racconto

In un festival letterario come TaoBuk non può mancare un momento dedicato all’essenza del racconto. A dialogare con il pubblico sul tema, in diversi momenti, saranno l’autrice irlandese Catherine Dunne, Giancarlo De Cataldo, Luciano Fontana, Giancarlo Mazzuca. E poi Paolo Giordano, Daria Bignardi, Aldo Cazzullo, Andrea Marcolongo, Paolo Crepet, Vito Mancuso, Federico Rampini.

L’editoria sul filo del cambiamento

Le nuove sfide dell’editoria saranno esaminate nel corso di due tavole rotonde che si terranno domenica 24 giugno. La prima avrà come titolo “Come cambiano i consumi tra best-seller e nicchie di mercato“. A confrontarsi saranno Mario Andreose (presidente de La nave di Teseo), il presidente e amministratore delegato del Gruppo Mauri Spagnol Stefano Mauri, il presidente di Rubbettino editore Florindo RubbettinoLino Morgante (AD GDS SES e direttore editoriale Gazzetta del Sud) e Domenico Ciancio Sanfilippo (La Sicilia). Successivamente sarà la volta del dibattito su “Informazione 4.0: rivoluzione o controrivoluzione?“. Interverranno Virman Cusenza (direttore de Il Messaggero), il direttore di RaiNews Antonio Di Bella, il direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana, Monica Maggioni, presidente Rai, il direttore del TG1 Andrea Montanari, Lino Morgante (AD GDS SES e direttore editoriale Gazzetta del Sud) e Giancarlo Mazzuca, giornalista e membro CDA Rai.

Arte, food, cinema, kids

All’interno della manifestazione ci sarà spazio per l’arte, con la mostra di libri antichi e di pregio Geografie Sentimentali. Gli incontri e show-cooking di Fud Hub con Ana Roš, Oscar Farinetti, Roberto Toro, Pino Cuttaia e Bonetta Dell’Oglio. Le masterclass in cinema con Ferzan Ozpetek, Sergio Castellitto e Nicola Guaglianone. Taokids, la sezione del festival dedicata a bambini e ragazzi, e la collaborazione con Save the Children.

Un app per il festival

Per la sua edizione dedicata alle rivoluzioni, Taobuk propone una grande novità. Xenia Progetti ha realizzato un’applicazione che permetterà agli utenti di accedere al calendario degli eventi. Al suo interno una mappa interattiva con luoghi turistici, alberghi e attrattive.

Sandro Pappalardo (assessore del Turismo, sport e spettacolo della Regione Siciliana) interviene a #Catania in chiusura…

Pubblicato da TAOBUK taormina book festival su sabato 26 maggio 2018

Il sostegno degli enti pubblici del territorio

Alla conferenza stampa di presentazione del programma hanno portato il loro sostegno i rappresentanti degli enti pubblici del territorio. Hanno partecipato Sandro Pappalardo (assessore del Turismo, sport e spettacolo della Regione Siciliana), Vera Greco (direttore del Parco archeologico Naxos Taormina), Roberto Grossi (sovrintendente del Teatro Massimo Bellini).

Vuoi conoscere il programma completo di TaoBuk 2018? Non perdere nemmeno una rivoluzione! Consulta il sito ufficiale e seguici sui canali Facebook e Twitter.